“Apolide” di Eusebio Martinelli recensito da BlogFoolk

frontApolide

…Martinelli ci fa un doppio regalo. Prima di tutto, come dicevo, non aderendo in modo esclusivo alle versioni più tradizionali e incallite del groove balcanico. In secondo luogo – forte di una formazione maturata attraverso le collaborazioni di cui sopra, lo studio della musica classica e la frequentazione di diverse orchestre classiche, jazz, fanfare, fino ad arrivare a suonare con artisti del calibro di Marc Ribot o Michel Godard – proponendoci la visione personale di una musica sintetizzata in modo “sano”, cioè attraverso l’esperienza e non soltanto l’alchimia dei generi. E con Apolide non ha deluso le aspettative che aveva creato con la sua prova d’esordio da solista…
Daniele Cestellini – BlogFoolk

Leggi la recensione completa su BlogFoolk qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...